Ludovico Bomben (Pordenone 1982) consegue il diploma all’Accademia di Belle Arti di Venezia dopo aver frequentato il quadriennio di Decorazione.

La sua ricerca prende avvio con le installazioni ambientali luminose che mirano a destrutturare ambienti e luoghi quotidiani, scardinando le percezioni di chi abitualmente li frequenta. Negli ultimi anni di lavoro sposta l’attenzione dall’ambiente all’oggetto, concentrandosi nello studio dei rapporti tra materiale, linguaggio, forma e concetto. Quest’analisi lo conduce all’utilizzo di alcuni simboli appartenenti all’ambito del sacro che diventa nuovo territorio d’indagine. Tra proporzioni auree e rigore formale tenta una rilettura e ridefinizione dell’immagine sacra nel contemporaneo, mescolando antiche tradizioni a materiali industriali di nuova generazione.

Espone in varie sedi private e istituzionali tra cui la 54. Biennale d’arte di Venezia, il Talent Prize, Dolomiti Contemporanee, Fondazione Bevilacqua La Masa, il Tina B Festival di Praga, il Premio Fabbri, Villa Manin, CAREOF - Via Farini, il Museo Revoltella, Palazzo Reale a Milano.

 

Parallelamente approfondisce il campo della progettazione, del design e della grafica lavorando per varie aziende del territorio pordenonese.

 

 

2017

Con Fine, Galleria Marelia Bergamo - Mostra Personale

Ho lasciato sognare una linea, Prologo - Gorizia - Mostra Personale

2016

Filando i remi a cura di Alessandra Santin, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea A. Pizzinato - Pordenone

Corrispondenze d'arte 3, a cura di Susanna Gregorat e Lorenzo Michelli - Museo Revoltella Trieste

Attitudes sculpture #1, a cura di Daniele Capra - Eduardo Secci Gallery, Firenze

Sesta, PAB Portogruaro

2014

Concept Europa, a cura di Antonella Di Lullo, Teatro Argentina - Roma

2009

44 + 0,10, Mostra Personale Galleria il vicolo, Genova

88/PDU, a cura di Associazione Arteriosa, Prato

2006

75 lampadari e tre quadri, a cura di M. Gasparini, Galleria 42 Contemporaneo,  Modena

2015

99.ma collettiva giovani artisti, Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia

Ibidem, a cura di Denis Viva. Fondazione Ado Furlan PN

15/h24 Time is running out, a cura di Eva Comuzzi, Cervignano UD

Studio visit off, Pordenone

Hotel universo, a cura di Valentina Lacinio, Palazzo Michiel - Venezia

2014

Orario continuato, Pordenone

Motivi di famiglia, a cura di Paolo Toffolutti, Villa Di Toppo Florio - UD

2013

Premio fondazione francesco fabbri, a cura di Carlo Sala, Pieve di Soligo TV

Siate candidi come colombe e astuti come serpenti, a cura di Marco Minuz, Galleria Civica  Celso e Giovanni Costantini, Zoppola / TRA Treviso

2012

Bilico, Dolomiti Contemporanee, a cura di Gianluca D’Incà Levis, Casso – PN

Gang of art, a cura di Urban Production – NUFactory, Messina 2012

Tree strategy, Galleria Upp Venezia, a cura di Daniele Capra

Ricomincio da te, a cura di Paolo Toffolutti, Teatro Nuovo Giovanni da Udine

2011

Premio in sesto, a cura di Marco Minuz, Ex Ospedale dei Battuti, San Vito al Tagliamento

Corrispondenze d’arte, a cura di Lorenzo Michelli, Museo Revoltella, Trieste

En plein air, a cura di Lorenzo Michelli, Tolmezzo UD

Contractions. L’opera tra implosione energetica ed espansione di senso, Dolomiti contemporanee, a cura di Daniele Capra, Sass Muss BL

54. Biennale d’arte di venezia, a cura di Vittorio Sgarbi, Arsenale, Venezia

The affordable art fair milano, Superstudiopiu’, Galleria il vicolo